L’ex storico attaccante di Inter e Juventus Roberto Boninsegna è stato intervistato da Radio Bruno Toscana. Si è parlato ovviamente di Fiorentina, ecco il parere dell’ex calciatore: “La squadra viola pecca un po’ di egoismo. Anche a Chievo i viola hanno avuto un occasione per pareggiare e non hanno servito Chiesa. Il bomber deve essere egoista, è vero, ma quando vede uno libero deve passare la palla. Chiesa?: E’ una seconda punta. Quando parte palla al piede è un ottimo giocatore, veloce. Deve imparare a fare i passaggi giusti e sfruttare le occasioni che si crea, ma è un grande giocatore. La mia rovesciata contro il Foggia?:Fu una cosa che feci con un po’ di incoscienza, menomale presi la porta. Simeone?: A me neanche lui sembra una prima punta. Forse ai viola manca un punto di riferimento là davanti. Fuori casa Simeone e Chiesa sono decisivi perché sono rapidi e veloci. Thereau?: A 34 anni non si è finiti e toglierlo a Verona penso sia stato un errore. Badelj?: Io l’avrei preso per l’Inter. Con tutto il rispetto per Borja Valero, ai nerazzurri manca un regista e io avrei preferito Badelj allo spagnolo insieme a Vecino”.

Comments

comments