IL VANTAGGIO DEL CORVO..L’EDITORIALE DI ALESSANDRO TADDEI

Ci siamo….Pantaleo Corvino ha rescisso con il Bologna, non gli servirà la variante di valico per arrivare a Firenze ma un programma vero, senza interruzioni e ingerenze. Credo che Corvino, rispetto al primo Pantaleo e alla coppia Pradè/Macia, possa avere un grande vantaggio, cioè quello di conoscere molto molto bene la proprietà, di aver toccato con mano licenziamento compreso, che non gli è mai stato permesso di costruire una squadra completa, ben strutturata, tutte le volte, almeno un paio che ci è andato vicino, tutte le volte che con un paio di acquisti avrebbe potuto creare una rosa da più di 80 punti, con ingerenze, polemiche mirate e richieste di cessioni gli è sempre stato impedito. All’epoca, quando secondo me  aveva scelto pure l’allenatore giusto,  lo avrei messo volentieri all prova, secondo me non mancava moltissimo, purtroppo non è mai stato così, anche Pradè è Macia lo hanno provato sulla loro pelle, a Montella il primo anno avevano costruito una squadra da brividi, come con Corvino due grandi acquisti e avremmo spiccato il volo. Niente, fallito con Gomez non hanno rilanciato, non lo hanno sostituito..la storia poi la sappiamo. Corvino dovrà far valere il suo vantaggio, come diciamo a Firenze non dovra farsi intortare dalle false promesse, spero che abbia ancora quella ambizione che serve a vincere, più che altro spero che venga con l idea di vincere o almeno provarci senza dover pensare solo alle plusvalenze. Prendiamo la squadra fatta con Prandelli, scegliete un anno a caso, uno qualsiasi e provate a buttarci dentro tre grandi calciatori, non oso pensare cosa potevamo diventare. Non voglio giudicare oggi il suo valore, i risultati buoni e meno buoni li conosciamo, non possiamo sapere quanto vale oggi Corvino, possiamo solo chiedergli che se dovessero chiedergli di cedere il Felipe Melo di turno  avrà il buon gusto di dimettersi..alla prossima !!!

 

Alessandro Taddei   RadioBlu

Comments

comments