Il TAS assolve Zarate: “Subite tante aggressioni, finalmente la verità”

L'organo giudicante ribalta la sentenza di primo grado

Il TAS si è pronunciato sulla vertenza Zarate-Lazio: l’arbitrato del tribunale per lo sport, decidendo sulla richiesta danni avanzata dal club biancoceleste al Velez Sarsfield ed al giocatore stesso, ha annullato la precedente condanna in primo grado, per entrambi, a pagare 6 milioni di euro.

Zarate ha commentato così sul suo profilo twitter: “Finalmente il TAS ha deciso in mio favore. Devo molto alla Lazio, a cui peraltro ho dato tanto, e non volevo che finisse così. Sono stati anni di sofferenza, ma adesso sono felice perché il tempo mi ha dato ragione. Oggi si conosce la verità: quella stessa che per rispetto dei tifosi della Lazio non sono mai andato a raccontare in piazza, così come le aggressioni subite in questo tempo”.

Soddisfazione è stata espressa anche da parte dell’avvocato del Velez, Rafael Trevisan, ha commentato la vicenda: “Giustizia è stata fatta perché Zarate alla Lazio era stato escluso dalla formazione per più di 200 giorni e questa cosa è una chiara violazione del contratto collettivo del lavoro italiano”. Una buona notizia, dunque, per l’attaccante viola.

Comments

comments