“Qui al Besiktas, l’obiettivo è sempre quello più alto, vincere il campionato. Mentre per la Fiorentina vincere il campionato è un sogno”. Il protagonista di queste parole è Mario Gomez, giocatore viola adesso in prestito ai turchi del Besiktas, squadra in testa alla classifica con sei punti di vantaggio sulla seconda. Capocannoniere del campionato? Mario Gomez con 25 gol. Si proprio lui, colui che avrebbe dovuto far sognare in grande i tifosi viola ma che tra infortuni e un gioco non proprio adatto alle sue caratteristiche ha deluso e non poco tutti l’ambiente gigliato.

Ieri le parole del bomber tedesco hanno fatto scatenare un putiferio tra i tifosi della Fiorentina che lo hanno apostrofato in malomodo, da “ingrato” a “bidone” fino ad altre offese più pesanti il passo è stato brevissimo. In fondo cosa ha detto realmente Mario Gomez di diverso da quello che dicono e pensano i tifosi della vioale non? Assolutamente nulla di diverso. “Vincere a Firenze lo scudetto è un sogno, qui al Besiktas no”. Qualcuno pensa il contrario? Uno scudetto alla Fiorentina è realta? Assolutamente no, ad oggi è solo un sogno, bellissimo e affascinante, ma di sogno si tratta. Tutti lo sanno, tutti lo pensano. Un sogno che tutti sperano possa essere raggiunto il prima possibile. Al Besiktas invece il tedesco sta per festeggiare lo scudetto. Praticamente quelle parole fotografano la realtà attuale della Fiorentina e del Besiktas, e in quelle dichiarazioni non c’è nemmeno una mancanza di rispetto. Anche in casa viola chiunque in questo momento, dai giocatori alla società fino ad arrivare ai tifosi non può non dire che ad oggi il tricolore sulla maglia viola è un bellissimo sogno.

Tutti in questo momento pensano la stessa cosa che Gomez ha avuto il coraggio di dire, i tifosi viola criticano la società e fischiano la squadra dopo un girone di ritorno da retrocessione. Però se lo dice Mario Gomez è bene offenderlo e le parole suonano male… Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu!

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments