Grazie all’arrivo di Sebastian De Maio la Fiorentina può finalmente contare su una rosa completa, con due giocatori per ogni ruolo.

Archiviata l’emergenza riserve, dunque, la Fiorentina aspetta di osservare direttamente sul campo la squadra in azione, non senza qualche perplessità però.

Sì, perché molti dei nuovi arrivi di questa estate sono perlopiù scommesse, giocatori di belle speranze ma mai ancora esplosi.

Ecco perché in casa Fiorentina qualcuno continua a non sentirsi pienamente al sicuro, nonostante la piena completezza della rosa.

Preoccupazioni che riguardano soprattutto la difesa, dal momento che centrocampo e attacco sono gli stessi dello scorso anno, e possono contare su qualche elemento di qualità in più (vedi Rossi, Sanchez e Toledo).

La retroguardia non convince appieno, le riserve soprattutto, con Tomovic e De Maio a fare da alternative a Gonzalo e Astori in caso di difesa a quattro, mentre sulle corsie esterne si alterneranno da una parte Alonso e Milic e dall’altra Diks e Gilberto.

Sperando che Milic si riveli un buon rinforzo, la situazione a destra necessiterebbe di un ritocco. Ritocco che, secondo quanto si vocifera intorno a Campo di Marte, adesso potrebbe veramente arrivare.

I soldi entrati nelle casse gigliate dopo la cessione di Gomez, infatti, possono costituire una piccola base da cui partire per portare a casa un buon terzino, oppure un difensore centrale adattabile a destra.

L’ultima parola, però, spetta alla società. Solo la dirigenza può dare il via libera a Corvino per gli acquisti. Dunque, non resta altro che aspettare, sperando che dai piani alti della Fiorentina possa arrivare presto un segnale.
Tommaso Fragassi

Comments

comments