Meno di un mese all’inizio del campionato, neanche 30 giorni e la Fiorentina scenderà in campo allo Juventus Stadium per cominciare la stagione.

Già, proprio così. L’estate ha raggiunto la metà e a Firenze i tifosi aspettano trepidamente, qualcuno più fiducioso, qualcun’altro assai meno. Alti e bassi di un periodo che in effetti non ha registrato grandi emozioni.

Trattenere i titolari e portare in rosa qualche giovane sconosciuto ma di belle speranze, questa la strategia della società gigliata che adesso comincia a tirare le somme.

Paulo Sousa ha fatto sapere che quest’anno proverà a variare gli schemi per risultare meno prevedibile, tuttavia il modulo di base del tecnico portoghese dovrebbe essere il 4-2-3-1.

Andiamo dunque ad analizzare lo stato attuale della rosa a disposizione di Sousa, a partire dall’attacco, reparto che, almeno secondo quanto si vocifera in società, non dovrebbe più essere ritoccato.

Gli attaccanti saranno Kalinic e Rossi, che daranno vita ad una interessante staffetta, con Babacar e Gomez destinati a lasciare la Fiorentina o ad avere un ruolo marginale.

Dietro l’unica punta i titolari al momento sono Bernardeschi, Ilicic e Zarate, mentre Chiesa, Hagi, Mati Fernandez e Toledo partiranno come seconde linee.

Sulla mediana ci sarà Borja Valero e uno tra Badelj e Vecino. Diakhate e Schetino, invece, saranno le prime scelte per la panchina, a meno che la dirigenza non decida di portare a Firenze qualcun’altro in questo ruolo.

In porta Tatarusanu e Dragowski dovranno contendersi il posto da titolare, mentre è assai più critica la situazione in difesa. Se Alonso, Gonzalo e Astori, infatti, sono ormai sicuri di essere protagonisti e la fascia destra resta ampiamente coperta grazie a Tomovic e Diks, sono diversi i giocatori che mancano all’appello.

La Fiorentina ha bisogno di altri tre difensori per la panchina, due centrali e un terzino sinistro. Oppure, nel caso in cui venisse acquistato un ottimo terzino destro, Tomovic diventerebbe il vice-Gonzalo, ma mancherebbero comunque un altro centrale e un esterno sinistro difensivo.

Dunque, sono almeno tre gli acquisti ancora da fare, tutti per la retroguardia. Certo, forse qualcosa di meglio per il centrocampo potrebbe essere utile, ma dubitiamo fortemente che la Fiorentina metterà ulteriormente mano al portafoglio, soprattutto dopo quel “Siamo completi al 90%” pronunciato da Andrea Della Valle pochi giorni fa. Staremo a vedere.
Tommaso Fragassi

 

Comments

comments