La Nazione, da Diawara a Laxalt, i primi contatti di Corvino

Corvino si muove, emergono le prime trattative secondo la Nazione

Nomi e cognomi, Pantaleo Corvino non ne fa. Ci mancherebbe. Non è nel suo stile, nel suo modo di fare mercato. Fari spenti sull’obiettivo vero, girandole di nomi da far ruotare attorno alla (ipotetica) Fiorentina del futuro e infine la mossa a sorpresa. La ragnatela degli affari della ripartenza viola, Corvino ha comunque già iniziato a tesserla e fra i nomi destinati – almeno per il momento – a non essere solo il ’contorno’ delle operazioni delle prossime settimane, ce ne sono alcuni su cui soffermarsi con maggiore attenzione. E’ il caso, ad esempio, di Diawara del Bologna. ’Uomo di Corvino’ a tutti gli effetti, ma ovviamente di proprietà del club rossoblù. Il Corvo avrebbe parlato del giocatore in fase di trattativa per arrivare alla rescissione del suo contratto con il Bologna e già questo può essere un segnale sufficiente per capire un paio di cose: primo, Diawara è un giocatore che la Fiorentina vuole; secondo: il nuovo dirigente viola è pronto a iniziare una trattativa concreta e seria.

Discorso simile per Laxalt del Genoa. Contatti avviati, ben avviati è il caso di aggiungere, e non appena ci sarà di nuovo il modo di parlare con il Genoa ipotizzabile che la Fiorentina metta sul piatto la proposta giusta per strappare il sì al giocatore (e alla sua società).
Restando a Genova, sponda Sampdoria, è di ieri la notizia che vuole la Fiorentina su un centrocampista blucerchiato. Si tratta di David Ivan, classe 1995, passaporto slovacco, valutazione del cartellino intorno al milione di euro. Il giocatore sarebbe stato seguito da Corvino anche in passato (addiritura prima del suo arrivo in Italia) e sono concrete le possibilità che in casa viola si punti ad aprire un discorso per il suo trasferimento a Firenze.

Attenzione, infine, all’asse emiliana (fra Sassuolo e Carpi) con la Fiorentina impegnata su un doppio fronte che potrebbe dare ottimi risultati in chiave mercato. Al Sassuolo – e i viola hanno parlato già anche con il manager del giocatore – è stato chiesto Missiroli. Su di lui ci si era mossi anche l’estate scorsa e poi a gennaio: è Sousa a volerlo a tutti i costi in squadra. Il nome giusto del Carpi, invece, è quello di Lasagna. Prestito con diritto di riscatto è stata la proposta della Fiorentina. A giorni la risposta.
La Nazione

Comments

comments