“Fiorentina incompiuta, Sousa a fine corsa. Badelj? No a Montolivo bis”

Enzo Bucchioni ha analizzato il momento vissuto dalla viola ai microfoni di Radio Bruno:“La Fiorentina? Parliamo di una squadra che non riesce a trovare continuità. Capisco i fischi di ieri sinceramente, c’è un aspetto psicologico sul quale bisogna ragionare. Tutti ci ricordiamo la squadra dell’anno scorso e vorremmo quel gioco lì. Secondo me invece quella Fiorentina va dimenticata. Ci sono stati picchi di gioco fin troppo alti. La squadra può far bene se troverà continuità. Altrimenti bisogna aspettarci una stagione di passaggio”.

Poi su Sousa: “Il mister? I dubbi che abbia finito il percorso qui continuo ad averli. Sembra una squadra incompiuta, ma a completarla dovrebbe pensarci lui. Mi interrogo su questo gioco, ho l’impressione che sia macchinoso dal punto di vista mentale. Ci sono tanti giocatori a cui manca concretezza. Ilicic? Se unisse qualità e intensità sarebbe sicuramente un campione. Andrea Della Valle dovrebbe darsi una calmata. Il fumo non si vende, meglio avere un profilo più realistico e non con tutto questo entusiasmo. Anche sabato, dopo la vittoria a Bologna, ha avuto un profilo troppo alto. Badelj? Ci vuole un lavoro che non porti alla fine di Montolivo. Lui non può andare al Milan a gennaio che è una diretta concorrente. Ma ieri sera non lo avrei tolto. A un certo punto il centrocampo è andato in mano alla Sampdoria perché ieri Sanchez ha fatto dei disastri. E’ un giocatore che non sa stare al suo posto. I buchi in mezzo al campo li ha lasciati lui”.

Infine una battuta su Antognoni: “Se va dentro alla Fiorentina è per una questione operativa. Sarà inevitabile che qualcuno dentro l’organizzazione possa fare un passo di lato. La sua è una questione tutta da scrivere. C’è anche l’ingaggio, un accordo si troverà ma per ora non c’è. Io mi fermo alle parole di Cognigni, che ha detto che ci sono ottime possibilità che torni alla Fiorentina. Ma non è ancora chiusa”.

Comments

comments