Edmundo salvo per miracolo dal disastro: “Fox Sport mi aveva scelto per quella gara, al posto mio ha perso la vita un collega”

L'ex attaccante della Fiorentina Edmundo sarebbe dovuto essere sul volo maledetto della Chapecoense, ma alla fine è stato scelto il collega Mario Sergio.

Manchester United, Torino, Zambia. E via dicendo. Ora la Chapecoense. L’ultima tragedia aerea del calcio arriva dalla Colombia, dove la squadra brasiliana di Chapecò è deceduta dopo lo schianto del CP2933 a 40 km dall’aeroporto di Medellin, nel comune di La Ceja.

75 i morti tra giocatori, equipaggio, giornalisti e dirigenti della Chapecoense. Appena sei i sopravissuti, mentre l’ex Verona Winck non era stato convocato per la finale contro l’Atletico Nacional e si è dunque salvato. Come un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano, Edmundo.

Ex Fiorentina, Edmundo è ora commentatore per Fox Brasil: inizialmente scelto per essere sul volo a seguito della sua emittente, è stato invece tenuto in patria per motivi personali e ha seguito la vittoria del campionato brasiliano da parte del Palmeiras. Al suo posto Mario Sergio, deceduto alla pari di altri 20 colleghi giornalisti.

Edmundo ha raccontato la storia, il destino e la scelta di Fox in lacrime: legatissimo al Palmeiras, il classe 1971 aveva commentato il successo della compagine biancoverde, poprio dopo la partita vinta 1-0 contro la Chapecoense.

Sono scomparsi a La Ceja, oltre a Mario Sergio, anche Deva Pascovicci, Paulo Julio Clement, Victorino Chermont, Rodrigo Santana e Junior Lilacio. Insieme a loro anche altri giornalisti brasiliani recatisi in Colombia per seguire la finale di Coppa Sudamericana contro l’Atletico Nacional. Ancora una volta è il cielo a spezzare sogni e speranze ottenuti a terra.

Goal.com

Comments

comments