Diego Della Valle apre una fabbrica in uno dei paesi colpiti dal terremoto. Renzi annuncia la bella iniziativa

Un bellissimo gesto del proprietario della Fiorentina, Renzi agli imprenditori: "Fate come lui, dateci una mano"

Arquata del Tronto (Ascoli), 10 ottobre 2016 – «MARTEDÌ sarà approvato il decreto sulla ricostruzione e lo presenterò personalmente ai sindaci. Martedì però vado da Diego Della Valle alla Tod’s perché aprirà una fabbrica ad Arquata». Queste le parole di Matteo Renzi, che ieri è stato ospite del programma televisivo L’Arena. «Un’ idea molto bella – continua il premier – perché non solo si dovranno ricostruire i paesi dove e come erano, ma bisogna anche chiedere una mano agli imprenditori ed il primo che ha risposto di sì è Della Valle».

Pare proprio che la promessa fatta circa un mese fa dall’imprenditore al sindaco di Arquata stia diventando una solida realtà. Il 18 settembre, infatti, Diego Della Valle si era recato nella tendopoli allestita a Borgo di Arquata insieme a sua moglie e ad un tecnico, con il probabile intento di studiare la situazione valutando le eventuali possibilità di investimento. A restare colpito da quella visita fu proprio il sindaco Aleandro Petrucci, che – pur accogliendo con gratitudine la proposta di aprire un centro di aggregazione per anziani avanzata da Mr. Tod’s – fu colto dall’impulso di fare una controproposta più confacente ai bisogni del territorio: «bene gli anziani – disse – ma sa, io penso a non far andare via i giovani».

A tali parole, Della Valle ipotizzò di aprire una vera e propria fabbrica. A distanza di quasi un mese da quella conversazione, definita dal sindaco come «una notizia sensazionale», pare che qualcosa si stia affettivamente muovendo. «Sembra proprio che la promessa di Della Valle stia diventando realtà» dice il sindaco, che ha accolto le parole di Renzi come una spinta a concretizzare quella che fino a qualche giorno fa era ancora soltanto una speranza. «Mi aveva detto che sarebbe tornato, e sono certo lo farà» continua Aleandro Petrucci, e aggiunge un dato di importanza nient’affatto irrilevante: «Diego Della Valle ha fatto una richiesta al Comune di Arquata di ben 4000 metri quadri di terreno. Questo lotto dovrebbe servire all’edificazione di uno stabilimento di 2000 metri quadri, ma non ho ancora notizie ufficiali».

Dunque, per avere conferme, non resta che aspettare domani, una giornata importante, nel corso della quale il Consiglio dei Ministri varerà il decreto per le zone terremotate. Il contenuto del decreto è stato illustrato dal commissario alla ricostruzione Vasco Errani durante un comizio pubblico che ha avuto luogo ieri nella tendopoli di Pescara del Tronto. Subito dopo la messa in suffragio delle vittime del sisma, celebrata dal vescovo della Diocesi di Ascoli Giovanni D’Ercole, al C.C.R (Centro di Coordinamento Regionale) si è infatti svolta una riunione a cui hanno preso parte anche il capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio e il sindaco di Arquata Aleandro Petrucci.

Dopo l’assemblea, Errani ha elencato i punti chiave del decreto in uscita: «Si ricostruirà tutto, comprese le seconde case, che per la prima volta saranno finanziate al cento per cento. Verrà messo a disposizione il credito di imposta per quanti hanno diritto al risarcimento; tutto verrà svolto nel massimo della trasparenza; sarà fondamentale investire nell’economia per evitare di ricostruire e poi assistere ad uno spopolamento. L’intento è quello di sostenere le imprese, alle quali verrà elargito un prestito d’onore di 30.000 euro».

 

Quotidiano.net

Comments

comments