Corvino: “I Della Valle vogliono spendere, non abbiamo più debiti. Dragowski ha fatto una bambinata”

"I tifosi erano scontenti perché non conoscevano i giocatori. Siamo davvero completi adesso"

Pantaleo Corvino ha parlato a Italia 7 Gold la salotto viola, queste le parole del dittatore sportivo della Fiorentina:
“All’inizio c’era scetticismo per il mercato da parte di tifosi e adetti ai lavori questo per l’arrivo di giocatori che non erano conosciuti. Da una parte però c’è stato lo sforzo della società nel tenere i migliori, dall’altro l’esigenza di trovare un equilibrio. Adesso abbiamo fatto 6 partite e mezzo, con una sola sconfitta. La squadra sta cercando di assestarsi, facendo integrare vecchi e nuovi. Adesso siamo molto più completi rispetto alla scorsa stagione, abbiamo dato alternative a questa squadra che prima non aveva.

Abbiamo cercato delle potenzialità senza gravare sulle casse del club e giocatori pronti per il presente che potranno valere di più in futuro come Diks, Dragowski, Hagi: investimenti proiettati sul futuro. Sousa adesso sta lavorando per equilibrare tutti i reparti, ma quello difensivo direi che sta andando bene visto che è il migliore in A assieme alla Juve. Siamo alla sesta giornata e gli automatismi stanno migliorando, con squadre come la Roma e il Milan siamo stati all’altezza della situazione. Con i rossoneri fino al 30esimo del secondo tempo la Fiorentina mi è piaciuta moltissimo, esclusi gli ultimi 15 minuti dove gli equilibri si erano alterati. Ho visto una squadra equilibrata sulla quale è possibile lavorare e crescere. E con alcuni giocatori che sono ancora sotto il proprio rendimento standard.

Babacar e Tello? Non è mai gusto dare giudizi sui singoli, qualcuno entra in forma prima, altri dopo. Siamo all’inizio e fare analisi sul rendimento dei giocatori è sbagliato. Avere la possibilità di utilizzare Babacar anche con Kalinic dà sicurezza, così come dà sicurezza il fatto di avere avere 4 giocatori per due ruoli importanti in mezzo al campo.

Vedere Babacar, Chiesa, e Lezzerini frutto del vivaio della Fiorentina è la dimostrazione che ha Firenze la cultura del lavoro sui giovani non manca mai.

Io posso garantire che la proprietà vuole sempre una Fiorentina attrezzata e competitiva, poi bisogna vedere anche gli investimento degli altri. Ma l’idea della famiglia Della Valle è quella di avere una squadra all’altezza in tutte le competizioni. Quest’anno siamo dovuti passare da un riequilibrio, ma il fatto di aver rifiutato di cedere tanti giocatori conferma la volontà della società di non cedere

Adesso finalmente il debito è stato superato e quindi possiamo permetterci di vedere il futuro partendo da zero potendo investire

La gara col Torino? In questo momento sta bene, ma la Fiorentina ne ha persa solo una da inizio campionato pur con delle problematiche e nonostante un calendario veramente brutto.

Dragowski? Al calciatore gli sono state messe parole in bocca da parte del giornalista, è stata un intervista strana, ciò non toglie che resta una bambinata e che il ragazzo verrà punito, basta una sculacciata al ragazzo perché è giovane e deve stare attento a cosa gli viene chiesto.

Comments

comments