Uno scossone forte ma piacevole allo stesso tempo. Nella giornata di oggi, infatti, la Fiorentina ha provato a mettere a segno tre colpi di mercato.

Già, i viola hanno fatto passi avanti nelle trattative che portano ai due difensori Corluka e Caceres (più vicino il primo rispetto al secondo), mentre per il mediano Sanchez ormai dovremmo essere ai dettagli.

Qualora la Fiorentina dovesse veramente riuscire a portare a Firenze anche solo Corluka e Sanchez, Sousa potrebbe finalmente definire la struttura della sua squadra.

Cominciamo dal modulo. In gioventù Corluka ha provato più volte a giocare terzino destro, ma il suo ruolo naturale è il centrale (soprattutto adesso che ha quasi 31 anni), motivo per cui siamo piuttosto convinti che la difesa sarà formata da tre uomini anche il prossimo anno.

Discorso diverso per Sanchez che, al contrario di Corluka, dovrebbe sudare e vincere il ballottaggio con Badelj per un posto da titolare nella linea mediana che con tutta probabilità sarà a quattro.

Poco cambierà in attacco, invece, dove Ilicic, Kalinic e Rossi formeranno il tridente, con Toledo, Zarate e uno tra Bernardeschi e Chiesa come alternative.

Sì, abbiamo messo Bernardeschi nella lista delle possibili alternative in attacco proprio perché con il 3-4-2-1 l’unico posto da titolare per lui sarebbe quello di esterno destro a tutto campo, ruolo in cui il giovane di Carrara può giocare, sacrificando però le sue migliori qualità, ovvero quelle offensive.

In un modulo come il 3-4-2-1, infatti, un’ala forse è sprecata, meglio un terzino. Vedremo se la società deciderà di muoversi anche su questo fronte, acquistando un altro difensore esterno, oppure preferirà adattare un centrale sulla fascia (Corluka?), consentendo a Sousa di schierare Bernardeschi esterno alto nel 4-2-3-1.

Dicevamo di Alonso. La prossima stagione sulla sinistra dovrebbe esserci lui, anche se non è da escludere un ultimo acquisto proprio per la corsia mancina, dal momento che lo spagnolo è l’unico giocatore disponibile nel suo ruolo.

Chiuderebbe la lista delle priorità un ultimo difensore per la panchina, attualmente il preferito è Caceres, ma attenzione anche a Rekik e a soluzioni “Last minute”.
Tommaso Fragassi

Comments

comments