Bella vittoria per la formazione di Paulo Sousa che ritrova la vittoria in Europa League battendo con un rotondo 5-1 il Qarabag.

 

Parte un pò soffrendo la Fiorentina che rischia in più di un occasione di subire il gol dello svantaggio. La partita cambia quando il difensore della squadra ospite colpisce la palla di mano da ultimo uomo e l’arbitro decide di espellerlo.

 

Inizia così la festa viola che dopo pochi minuti trova subito la rete del vantaggio con un ottimo Babacar e con Kalinic che su un colpo di tacca magico di Cristoforo si vede smarcato dentro l’area di rigore. Il 3 a 0 arriva sempre grazie ad una giocata di Kalinic che di tacco si smarca con un tunnel, crossa basso per Babacar che da pochi passi non può sbagliare.

 

È stata buona la prova delle due punte che insieme dimostrano ancora una volta di saper far male. Molto bene Kalinic in fase di non possesso e altrettanto bene Babacar in fase realizzativa. Possono davvero essere l’arma in più di Paulo Sousa durante l’anno.

 

Entra Zarate e la storia non cambia. Dopo pochi secondi infatti, l’argentino prende palla e da 25 metri lascia partire un tiro potentissimo che si va a insaccare dentro la rete. Commovente l’esultanza di Zarate che, inginocchiandosi a terra, mostra visibilmente commosso una maglia dedicata alla moglie operata ad un tumore. La punizione sotto l’incrocio che chiude la partita è altrettanto meravigliosa.

 

Bene la difesa a tre composta da Salcedo, De Maio e Capitan Tomovic che raramente lasciano passare i diretti concorrenti.

 

Buona prova quella vista stasera al Franchi contro un modesto Qarabac. Sousa si può ritenere contento di aver fatto un più che eccelente allenamento in vista della partita di domenica contro il Torino.

 

Matteo Fabiani

Comments

comments